Video Ufficiali

Convegno diocesano 2017: Francesco Miano

Questi i punti sviluppati dal Prof. Miano durante l'intervento a Madonna dell'Arco, l'8 settembre 2017, giornata di apertura del convegno diocesano di inizio anno. 1. Il convenire insieme Nello spirito di una “pausa che ci permetta di raccontarci, di progettare insieme, di sognare un cammino comune sempre più condiviso” (mons. Marino) Sinodalità e corresponsabilità : un metodo che è sostanza, la forma e il contenuto 2. La ricchezza del cammino sinodale della Chiesa di Nola: - l’approfondimento del Concilio - l’Instrumentum laboris - i gruppi sinodali - l’Assemblea sinodale nelle sue diverse sessioni - il documento finale 3.La domanda e le domande del Sinodo “Come mai questo tempo non sapete valutarlo?” Lc 12, 56 : il discernimento Una domanda di fondo in cinque domande (cultura, ascolto e formazione, spiritualità, sinodalità e comunione, impegno concreto a servizio della città degli uomini) 4. Abbiamo imparato ad amare di più “…ad amare di più Cristo, la Parola, la Chiesa……i dimenticati, i poveri….i migranti…le famiglie e i giovani………..” (mons. Depalma) 5. L’esperienza del sinodo e l’annuncio del Regno : “Ogni nostro gesto, ogni nostra cura, ogni nostro impegno è per annunciare il Regno” (mons. Marino) Un discernimento che continua: il discernimento e l’annuncio. Per una cultura del discernimento. 6. L’annuncio del Regno. Tempo di Dio e tempo degli uomini. Tempo, tempi, spazi, luoghi : la responsabilità per le persone, per le famiglie e per i giovani, la responsabilità per le nostre realtà 7. L’annuncio del Regno e la sfida delle città EG 71 : il cristianesimo e le culture urbane Evangelizzazione e relazione, evangelizzazione e vita delle persone 8. L’annuncio del Regno e la vita della Chiesa Al di là di ogni autoreferenzialità, al di là di una pastorale funzionalistica. Una corresponsabilità per la comunione. 9. L’annuncio del Regno e la gioia del Vangelo : Evangelii gaudium, Laudato si, Amoris laetitia. Chiesa di Nola e Chiesa universale. Domanda conclusiva Come può crescere il senso e il sentirsi parte di un popolo, di un popolo in cammino nella storia, sempre alla ricerca di Dio eppure sempre impegnato a testimoniarlo nella vita e come invece evitare di fare della Chiesa un’esperienza fine a se stessa, volta solo alla sua autoaffermazione, impegnata a autoconservarsi anziché immersa nella storia per annunciare il Regno secondo il mandato del Signore, per raccontare di cieli nuovi e terre nuove?